It’s Okay to not be Okay | tvN – Netflix (2020)

It’s Okay to not be Okay | tvN – Netflix (2020)

31/08/2020 0 Di kdramaitalia

Titolo: It’s Okay to Not Be Okay

Introduzione: Drama prodotto da Studio Dragon e andato in onda da giugno ad agosto 2020 prima sul canale coreano tvN, poi su Netflix. Questo sceneggiato, per le tematiche trattate come “mental health” e depressione è stato nominato Global Hallyu K-drama (ovvero drama coreano di forte impatto mediatico in tutto il mondo).  

Genere: romance, mistery, life.

Cast: Kim Soo-hyun, Seo Ye-ji, Oh Jung-se, Park Kyu-young

Trama © Kdrama Italia: Ko Moon-young vive a Seoul in un lussuosissimo hotel ed è una famosissima autrice di fiabe particolari, acclamatissima dal pubblico e da tutti gli agenti letterari del campo; è bellissima e ha uno stile tutto suo, se non fosse per un piccolo problema: il suo disturbo antisociale di personalità che la porta a non riuscire a relazionarsi con la gente e con i loro sentimenti. Nella stessa città, poco distante da lei, vive Moon Gang-tae un ragazzo che lavora nelle case di cura e nelle cliniche psichiatriche come aiutante. La sua vita non è stata mai facile perché si è sempre preso cura del fratello autistico Moon Sang-tae, un uomo con la fobia per le farfalle sviluppata dall’assassinio della madre. Come se non bastasse, questa paura spinge Sang-tae ad avere incubi fortissimi e a spostarsi di città in città ogni primavera, insieme a suo fratello. La vita però è strana, e il destino capriccioso, e per uno sfortunato fortuito caso, quando Sang- tae (fan sfegatato di Moon-young) riesce ad incontrare la sua amata autrice, si scatena una lite caotica che porterà l’uomo ad avere una crisi. Crisi che spingerà di nuovo alla partenza e al ritorno nella cittadina di origine, dove ogni incubo ha avuto origine. Moon- young dal canto suo, ormai affascinata e intrigata da Gang-tae, decide di seguirli e di affrontare i suoi demoni del castello (ovvero la casa nel bosco nella stessa città). In questo posto lontano dalla metropoli, Gang-tae trova lavoro presso la clinica psichiatrica OK, grazie ad una vecchia amica Nam Ju-ri che ha una cotta per lui; mentre la nostra lead, è sempre più agguerrita nel conquistarlo. Tra pazienti con storie strappalacrime, fiabe scritte che raccontano di ferite lontane e mai guarite, Moon- young e Gang-tae impareranno ben presto che i loro passati difficili e cruenti sono intrecciati, e che i sentimenti forti che provano l’uno per l’altra sono la cura perfetta per i loro cuori lacerati. 

Episodi: 16

Dove vederlo – link streaming: Netflix 


Secondo Gina – la fangirl: Questo drama è una piccola perla: il cast è perfetto, le OST stupende, la regia particolare e il tema trattato – quello della salute mentale – viene raccontato con poesia e verità, senza nascondersi dietro a un dito (visto che in Korea il mental health è ancora un tabù). I first Lead hanno una chimica pazzesca e sono bellissimi da vedere e il personaggio di Moon Sang-tae risulta essere il collante dell’intera storia.

Punti di forza: Come ho detto nell’introduzione questo drama ha tutto, ma se devo scegliere il vero punto di forza dico Moon Sang-tae, il fratello maggiore del Lead, affetto da autismo.

Punti deboli: Nessuno.

Voto Lead Couple: Ko Moon-young & Moon Gang-tae, 10. Sono bellissimi da vedere insieme, hanno un affiatamento spettacolare e, da romanticona quale sono, vi spoilero che ci regaleranno dei baci con la B maiuscola.

Voto friendship e bromance: Moon Gang-tae & Moon Sang-tae, 10. I due fratelli hanno un rapporto stretto che può sembrare inizialmente quasi morboso, ma in realtà è molto puro e semplice.

Voto Second Lead couple: Lee Sang-in & Nam Ju-ri 8, nonostante non siano una vera coppia del drama, insieme sono spassosissimi.

Colonna sonora – OST preferita: “Wake up” di Elaine

“You are cold” di HEIZE

Voto complessivo: 10

Secondo Marika – la drama finder: Personalmente, credo che di drama così puri e belli ce ne siano pochi. Questo sceneggiato è talmente perfetto in ogni sfumatura che non potrete fare a meno di emozionarvi, versare lacrime ed empatizzare con i personaggi e le sue storie. La tematica della salute mentale, per la prima volta viene trattata apertamente ed è in primo piano, cosa davvero inusuale per la Corea che l’ha sempre categorizzata come un tabù; ed è inutile sottolineare quanto gli attori protagonisti siano stati bravissimi nel rappresentarla e sensibilizzare il pubblico. La particolarità del drama poi, risiede nelle storie scritte e disegnate da Moon-young, ovvero delle fiabe apparentemente dark che nascondo dei messaggi bellissimi e parte dei suoi ricordi dell’infanzia, legati a Gang-tae. 

Punti di forza: Sicuramente il fratello autistico Sang- tae, un personaggio che si farà amare dalla prima all’ ultima scena (un plauso va all’attore Oh Jung- se per averlo magistralmente interpretato). Altri punti di forza sono Moon-young, una donna che nonostante un passato violento, ha tantissima determinazione e coraggio e si contrappone completamente allo stereotipo di donna carina e coccolosa spesso visibile nei drama; Gang-tae, un giovane uomo che dedica gran parte della sua esistenza al fratello, sopportando di tutto e reprimendo se stesso, il suo carattere e la sua forza; e infine i personaggi secondari come Lee Sang-in, il ceo della casa editrice di Moon-young che nasconde un lato umano e buono e Yoo Seung-jae, l’assistente strana e simpatica. 

Punti deboli: Nessuno.

Voto Lead Couple: 10 e lode. Entrambi i lead sono bravissimi e il modo in cui affrontano la loro storia d’amore colpo dopo colpo, ferita dopo ferita, fa emozionare e commuovere, senza contare la chimica che buca lo schermo.

Voto friendship e bromance: 10 per il rapporto che c’è tra i due fratelli Gang-tae e Sang-tae. Un legame indissolubile nonostante tutte le difficoltà. E 10 do anche al rapporto tra Sang-tae e Moon-young che durante tutto il corso del drama diventano inseparabili.

Voto Second Lead couple: 8 per Lee Sang-in, ceo della casa editrice e Nam Ju-ri. Una coppia che si mostrerà nelle scene più ilari.

Colonna sonora – OST preferita: tutte, ma in particolar modo

“In silence” di Janet Suhh

“In your time” di Lee Suhyun

Degna di menzione è anche la open theme (sigla del drama).

Voto complessivo: 10 e lode.  

Curiosità: una delle curiosità che più ha attirato i fan, sono stati i libri e le storie illustrate presenti all’interno del drama. Storie scritte apparentemente dalla protagonista, ma nella realtà create e illustrate da Jamsan. Quest’ultimo ha inoltre creato due volumi (manhwa) relativi all’intero drama, ognuno contenenti le storie di otto episodi, per un totale di sedici. La sceneggiatrice poi, Jo Yong, ha editato tutto per far sì che divenisse un drama di successo.

Le storie raccontate nello sceneggiato sono le seguenti: The Boy Who Fed on Nightmares, Zombie Kid, The Cheerful Dog, The Hand The Monkfish, Finding the Real Face.

____

Credits immagini: Google

Credits video: Youtube The Swoon